All’interno si possono trovare ambienti di rappresentanza, caratterizzati da affreschi quattrocenteschi oltre allo stemma dei Notai. Fu A. Rubbiani nel suo restauro del 1908 a ripristinare le due bifore in gotico fiammeggiante e sopprimere una sopraelevanza settecentesca.